divendres, 30 de setembre de 2011

Dia 66 a Roma












1 comentari:

Noemí Bayona Rodríguez ha dit...

Esa expresión en el rostro... jo, qué guays las fotos de esculturas, ¿verdad?. Esa agonía del rostro me ha recordado a un poemita inédito de un amigo/poeta mío. Te lo escribo ;).

"Ancora una notte orribile.
I canni belano nel mio bicchiere
e ballano e s'incastrano
con un uncino ardente,
e poi, senza staccarsi
leccano le mie piaghe,
le contaminano con la loro bava
di sete e di escremento,
e germoglia dalle piaghe un fiore putrido,
in questa notte,
squallida come ombra di levriero,
fine ombra affilata che mi taglia.

E tu, luce di purezza,
impreciso scintillio,
sogno dentro il sogno,
sogno dentro il sogno di uno spirito,
limpido bicchier d'aria,
dove sei questa notte? "